Lavori occasionali: attenzione alla compatibilità con Quota 100

Lavori occasionali: attenzione alla compatibilità con Quota 100

Previdenza

04/09/2019



Le attività occasionali sono cumulabili con la pensione Quota 100, ma non tutte. La nota Inps in risposta a un quesito de IlSole24ore

 

I lavori occasionali remunerati con libretto di famiglia non sono compatibili con la pensione Quota 100. Sono cumulabili, invece, altre attività che non prevedono vincolo di subordinazione e potere di coordinamento del committente e restano sotto la soglia dei 5mila euro annui. La conferma viene dalla risposta Inps a un quesito de Il Sole 24ore, pubblicato sul quotidiano il 3 settembre.
Firmano l'articolo Matteo Prioschi e Fabio Venanzi, che precisano di aver scritto a Inps, dopo aver visionato le circolari Inps, la 11 del 29 gennaio 2019 e la numero 117 del 9 agosto.

Lavori occasionali, ma non subordinati

I lavori remunerati con libretto di famiglia e contratto di prestazione occasionale, anche se rientrano nel limite dei 5mila euro annui, sono da considerarsi nella fascia dei redditi non cumulabili con pensione Quota 100, perché prevedono il coordinamento del committente. Sarebbero compatibili con Quota 100, dunque, prestazioni autonome, non riconducibili a un rapporto di subordinazione. Attenzione: la soglia dei 5mila euro va comunque rispettata, perché, in caso contrario, fa perdere comunque la compatibilità con la pensione Quota 100. 

Leggi la circolare Inps 117/2019