10 priorità per l’Italia che riparte. Le proposte del documento Cisl

10 priorità per l’Italia che riparte. Le proposte del documento Cisl

Notizie

06/01/2021



In un manifesto di dieci punti le direttrici da cui muovere per utilizzare al meglio i fondi europei e imporre modifiche strutturali. Dalla scuola alla sanità

10 priorità per l'Italia che riparte è il titolo del manifesto Cisl per sottolineare le aree di intervento più importanti per il Paese. Si tratta di dieci proposte, introdotte da un'analisi dello scenario attuale e motivate da esigenze che riguardano diverse parti della società civile: giovani e studenti, lavoratori, famiglie.
Di fronte alla crisi dovuta alla pandemia, il manifesto, annunciato ai primi di gennaio 2021, chiede che il sostegno europeo del piano Next Generation sia utilizzato per concentrare e concertare gli investimenti su riforme strutturali in merito a occupazione, competenze nel mercato del lavoro, sanità, istruzione e scuola, pubblica amministrazione, ambiente, infrastrutture, sostegno alla terza età e non autosufficienza.

10 priorità per l'Italia che riparte: le ragioni

Il documento Cisl indica tre direttrici fondamentali su cui orientare gli obiettivi: sostenibilità ambientale, innovazione tecnologica, inclusione sociale. L'occasione è importante, perché, si legge nel manifesto,

"per molto tempo non ci sarà data una seconda opportunità".

Al tempo stesso, il sindacato sottolinea che in momento così importante è indispensabile coinvolgere le parti sociali nei processi decisionali.

“Il Governo deve aprire un cantiere riformatore condiviso con il mondo del lavoro e dell'impresa, per dare equità, stabilità e consenso a un percorso che non deve escludere nessuno. Come ha ammonito il Presidente Mattarella, solo attraverso il pieno coinvolgimento di tutte le articolazioni della società potrà aprirsi la nuova “stagione dei costruttori”.

Le proposte Cisl

Il documento integrale 10 priorità per l'Italia che riparte si può scaricare in pdf in calce all'articolo.
Di seguito i titoli dei 10 punti.

  1. Ripartire dalle fondamenta: lavoro, istruzione e formazione.
  2. Salute e politiche sociali come piattaforme di crescita economica
  3. A tutta velocità: industria e nuove infrastrutture.
  4. Al passo con il futuro: l'importanza dell'innovazione.
  5. Il domani è verde: la transizione alla green economy.
  6. Nord e Sud: colmare il divario.
  7. Pari opportunità: premiamo il merito, non il genere.
  8. Pubblica amministrazione: meno burocrazia, più efficienza.
  9. Giovani e futuro: un nuovo patto generazionale per garantire equità e solidarietà.
  10. Smart working: il futuro del lavoro è agile.

Foto di repertorio