Ondate di calore: attenzione a venerdì 31 luglio. Bollino arancione a Brescia

Ondate di calore: attenzione a venerdì 31 luglio. Bollino arancione a Brescia

Notizie

29/07/2020



Il bollettino a cura del ministero della Salute segnala allerta per i prossimi giorni. Farà molto caldo a Bologna, Bolzano, Torino, in Lombardia un po’ meno

Ondate di calore in crescita in tutta Italia. Il bollettino a cura del ministero della Salute, che viene aggiornato ogni tre giorni, segnala per il periodo dal 29 al 31 luglio un aumento delle temperature. Farà caldo, molto caldo, anche se i livelli di allerta dell'afa sono eterogenei, diversi da regione a regione e di città in città. In Lombardia, il bollino arancione, una soglia definita di livello 2, con livelli di rischio menzionati per le fasce di popolazione più vulnerabili, è previsto giovedì e venerdì a Brescia e venerdì anche a Milano.
Brescia e Milano sono di frequente le città dove viene segnalata un'ondata di calore consistente, ma nei giorni scorsi l'estate aveva tenuto temperature sotto i livelli di guardia.
Venerdì 31 sarà la giornata più calda un po' in tutta Italia: a Torino è previsto il bollino rosso e cioè livello di rischio alto, così come a Roma, Perugia, Pescara, Bologna, Bolzano.

Ondate di calore: conservare le buone abitudini

I livelli stabiliti dal ministero della Salute per classificare le ondate di calore vanno da 0 a 3. Le fasi a cui prestare attenzione sono l'arancione e il rosso, cioè il livello 2 e il livello 3. I soggetti considerati più a rischio, per eventuali malesseri dovuti al caldo, sono anziani, persone con patologie croniche, bambini e donne in gravidanza. Queste categorie devono stare attente sempre, in estate, a evitare eccessive esposizioni al sole e in particolare nelle giornate e nelle fasce orarie più calde.
Cautele specifiche sono consigliate in questo periodo, per non congestionare ospedali e sedi del Pronto soccorso. Da ricordare: sussistono ancora le regole anti-Covid e un paziente che si reca in ospedale deve farlo da solo, senza accompagnatori, a meno di ulteriori indicazioni del personale.