Reddito di cittadinanza per i senza fissa dimora. Firma la petizione

Reddito di cittadinanza per i senza fissa dimora. Firma la petizione

Notizie

24/04/2019



FioPSD e Avvocato di strada Onlus hanno lanciato una raccolta di firme per estendere il sostegno economico a chi non ha una residenza. Cisl Lombardia aderisce all’iniziativa #rdcsenzafissadimora

 

La petizione per il reddito di cittadinanza per i senza fissa dimora è stata annunciata pochi giorni fa ed è già disponibile on line. La lanciano FioPSD, Federazione italiana organismi per le persone senza dimora e Avvocato di strada Onlus. Cisl Lombardia e sindacato pensionati sostengono l'iniziativa.

La petizione nasce da un problema: tra i requisiti per chiedere il RdC è compresa la residenza in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2 in modo continuativo. La legge, in questo modo, esclude le persone che hanno perso la casa e che non hanno più un certificato di residenza: persone senza fissa dimora, che vivono in condizioni di povertà e marginalità e che, paradossalmente, avrebbero più bisogno di un sostegno economico.

Reddito di cittadinanza per i senza fissa dimora. Le ragioni

Gli enti che lanciano la petizione riportano un dato del 2015, l'ultimo censimento Istat. Stando a quei dati, le persone senza fissa dimora sono almeno 50 mila in tutta Italia. Tra loro ci sono padri separati, donne con figli, anziani con la pensione minima, lavoratori licenziati, piccoli imprenditori che hanno dichiarato fallimento.

Dai dati Istat del 2015, il 26 per cento dei senza fissa dimora avrebbe dai 45 ai 54 anni; il 18, 4 per cento ha dai 55 ai 64 anni; il 5,9 per cento ha almeno 65 anni.

Quale che sia l'età, molte di queste persone non hanno più una residenza anagrafica. Se cittadini italiani, anche senza un domicilio fisso potrebbero avere una residenza “fittizia”, stabilita nel comune di nascita o nel luogo in cui vivono. La nota di FioPSD precisa, però, che la residenza “fittizia”, equiparata per legge a quella anagrafica, viene riconosciuta ad oggi solo da 200 Comuni in Italia. Di fatto, il reddito di cittadinanza per i senza fissa dimora non è oggi possibile.

La petizione

Federazione italiana organismi per le persone senza dimora e Avvocato di strada Onlus hanno lanciato una raccolta firme per chiedere al Governo di rivedere i requisiti per il reddito di cittadinanza.
La petizione intende raccogliere 10mila firme entro il 31 maggio prossimo. Ad oggi, mercoledì 24 aprile, sono state raccolte 1413 firme.

Cisl Lombardia, componente dell'Alleanza regionale contro la povertà, aderisce alla petizione.

Il link per firmare la petizione è questo:

https://buonacausa.org/cause/il-reddito-di-cittadinanza-anche-per-le-persone-senza

Sarà necessario registrarsi al sito oppure accedere tramite il proprio profilo Facebook, sottoscrivere la petizione e digitare il codice di conferma ricevuto via mail.