Certificato Covid Ue approvato: sarà in vigore dal primo luglio 2021

Certificato Covid Ue approvato: sarà in vigore dal primo luglio 2021

Notizie

09/06/2021



Libera circolazione per chi è vaccinato o è guarito dal Covid o può dimostrare di non essere contagiato

Il certificato Covid Ue è stato approvato dal parlamento europeo oggi, 9 giugno 2021. È in attesa di essere formalmente adottato dal Consiglio e di essere pubblicato in Gazzetta ufficiale, ma è già stato annunciato che entrerà in vigore dal mese prossimo, a partire dal primo luglio e che le regole per averlo saranno valide per i prossimi dodici mesi. 

Noto anche come green pass, il certificato Covid Ue permetterà a chi lo possiede di viaggiare senza limiti nei paesi della comunità europea. Secondo l’accordo raggiunto nel parlamento Ue, infatti, i singoli stati non potranno imporre restrizioni come quarantena, autoisolamento o test ulteriori, "a meno che non siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica".
Fatte salve situazioni eccezionali, chi ha il certificato sarà di fatto libero di circolare nei paesi Ue. 

Certificato Covid Ue approvato: come funziona 

In modo analogo al green pass italiano, il certificato Covid Ue è gratuito e viene rilasciato a chi soddisfa uno di questi requisiti: 

  • la vaccinazione
  • la guarigione dallo stato di malattia da Covid-19
  • risultato negativo al test, valido 48 ore per i test antigenici rapidi e di 72 per i tamponi molecolari.

La durata del certificato Covid Ue dopo la vaccinazione non è ancora stata definita. In caso, invece, di guarigione dopo il Covid-19, i tempi stabiliti dall’Unione sono di 180 giorni dal primo risultato positivo del test. 
Il certificato potrà essere in formato cartaceo e digitale. I vaccini ammessi sono quelli riconosciuti dall’Unione europea, ma i singoli stati potranno accettare anche i certificati per i vaccini autorizzati secondo le procedure nazionali o quelli per i vaccini elencati dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.